Eventi

Visualizza articoli per tag: Pagani

%PM, %23 %571 %2020 %12:%Nov

Marcello Torre

Marcello Torre, 48 anni

Avvocato penalista e consigliere comunale eletto come indipendente nella lista della Democrazia Cristiana, Marcello Torre fu proclamato Sindaco di Pagani (SA) il 7 luglio del 1980. Il mandato durò poco. La mattina del 11 dicembre 1980, pressapoco le 8:00, Torre fu assassinato in un agguato di camorra proprio fuori casa mentre si recava al Comune in auto con il collaboratore av. Francesco Bonaduce. Due sicari bloccarono l'auto e aprirono il fuoco a colpi di lupara. Il Sindaco perse la vita mentre Bonaduce rimase gravemente ferito alla schiena in cerca di riparo.
 
Torre fu assassinato perché in pochi mesi ostacolò la camorra nelle speculazioni edilizie e negli appalti sui rifiuti, principali business della NCO. In particolare, a seguito del terremoto dell'Irpinia avvenuto il 23 novembre dello stesso anno che recò danni in tutta la Regione. I clan locali erano intenzionati alle sovvenzioni elargite ai Comuni per la rimozione delle macerie e per le ristrutturazioni. Marcello Torre si distinse dapprima come uno fra i più attivi nelle operazioni di soccorso ai concittadini e poi distribuendo personalmente gli appalti escludendo le società compromesse. La N.C.O. di Cutolo cercò di intimorire più volte il Sindaco ma l'onestà e gli ideali professionali e umanitari gli diedero il coraggio di perseguire nonostante i rischi.
 

Storico giuridico 

  • 10 dicembre 2001 - La Corte d'Assise d'appello di Salerno emette le condanne:
    - Ergastolo per Raffaele Cutolo ritenuto il mandante;
    - 17 anni di reclusione per Francesco Petrosino, l'autista del commando omicida. 
  • 4 giugno 2002 - La Cassazione conferma le precedenti condanne.

 

 

#Memoria: riconoscimenti, menzioni e luoghi intitolati a Marcello Torre

Riconoscimenti e associazioni:

  • 1982 - La moglie, Lucia De Palma, fonda l'Associazione "Marcello Torre".
  • 15 novembre 2007 - Insignito, dal P.R. Giorgio Napolitano, della Medaglia d'oro al merito civile alla memoria:«Preclaro esempio di impegno civile e di rigore morale fondato sui più alti valori di cristiana solidarietà, di libertà e di legalità».
  • 26 marzo 2011 - Conferimento dell riconoscimento "Nuovi Resistenti 2011" alla memoria. La cerimonia è avvenuta presso il Teatro del Popolo di Colle Val d'Elsa (SI) in occasione del 67° anniversario dell'eccidio di Montemaggio.
  • 2016 - Rinnovo del periodico "Il Piccolo Giornale" fondato da Marcello Torre nel 1970.

Intitolazioni di luoghi e enti:

  • NR - Intitolazione dello stadio di Pagani (SA) in onore al suo trascorso come Dirigente della "Paganese Calcio".
  • 12 dicembre 2010 - Intitolazione della piazza "Corpo di Cristo" a Pagani seguita dalla svelatura del busto, realizzato dal maestro Stefano Rossi, presso il sepolcro nel cimitero di Pagani (SA).
    - 17 settembre 2011 - il busto è stato collocato nella cappella i cui è sepolto Marcello Torre.
  • 31 marzo 2012 - Intitolazione del Presidio Libera di Roma XI situato presso il Caffé Letterario, Via Ostiense 83/95, Roma.
  • 30 luglio 2012 - Intitolazione del Circolo locale PD di Baronissi (SA).
  • 7 marzo 2013 - Intitolazione della  pista ciclo-pedonale che unisce Colle di Val d'Elsa e Poggibonsi (SI). Promossa dalla Quarta Commissione Consiliare, e approvato all'unanimità con la Delibera del 28 aprile 2011 dei rappresentanti degli altri Comuni dell'area valdelsa-senese-fiorentina.
  • Novembre 2015 - Inaugurazione e intitolazione del Presidio Libera di Castel San Giorgio "Marcello Torre".
  • 15 ottobre 2016 - Intitolazione dell'Aula Magna del Liceo Artistico "G.Carducci" di Volterra (PI).
  • 16 novembre 2016 - Inaugurazione e intitolazione del Presidio Libera di Val d'Elsa a Pongibonsi (SI).
  • 11 dicembre 2017 - Intitolazione del murales a cura degli studenti del PROFAGRI presso il Presidio Libera di Castel San Giorgio (SA).
  • 12 dicembre 2019 - Intitolazione di una piazza nel Centro Direzionale di Napoli, antistante il Palazzo di Giustizia e Largo Porzio.

Libri e media:

  • 12 marzo 2009 - Menzione nel libro:"Lotta civile" di Antonella Mascali. Editore Chiarelettere.
  • 21 maggio 2010 - La vicenda di Marcello Torre è raccontata nello spettacolo teatrale:"A città 'e Pullecamorra" regia di Antonio D'Andretta dalla compagnia teatrale Auriteatro. L'anteprima è stata messa in scena presso il teatro oratorio di S. Caterina di Angri.
  • 17 settembre 2010 - Dedicato lo speciale TV7 in onda su RAI in cui è stata intervistata la figlia Annamaria.
  • 23 novembre 2010 - Pubblicazione del documentario:"Terremoto '80" di Fabrizio Bancale uscito in edicola con "Il Mattino".
    - Il 20 novembre, il documentario è stato proiettato in anteprima presso il PAM di Napoli.
  • Marzo 2015 - Menzione nel libro:"Memoria" pubblicato dall'associazione Libera, a cura di: Marcello Cozzi, Riccardo Christian Falcone, Iolanda Napolitano, Simona Ottaviani, Peppe Ruggiero. Stampato per conto delle Edizioni Gruppo Abele presso Cooperativa La Grafica Nuova.
  • 10 dicembre 2015 - La storia è raccontata nel libro:"Il sindaco gentile. Gli appalti, la camorra e un uomo onesto" di Marcello Ravveduto. Editore Melavoglia.
    - 4 febbraio 2016 il libro è stato presentato alla Sala Stampa della Camera dei Deputati.
  • 10 maggio 2016 - Menzione nel libro:"La camorra e le sue storie: La criminalità organizzata a Napoli dalle origini alle paranze dei bimbi" di Gigi di Fiore. Editore UTET.
  • 1 dicembre 2016 - In qualità del dirigente della squadra di calcio, Marcello Torre è menzionato nel libro:"Storia e storie della Paganese. Novanta anni di emozioni 1926-2016" di Nino RuggieroBarbara Ruggiero e Peppe Nocera. Edizioni Paganese Calcio.
  • Gennaio 2019 Pubblicazione del docufilm:"Seduto su una polveriera"  della serie RAI Cultura "Diario Civile" di Alessandro Chiappetta, regia Alessandra Bruno, introduzione di Franco Roberti, Procuratore Nazionale Antimafia dell'epoca. 

Eventi dedicati al ricordo di Marcello Torre

Ogni anno, dal 1982, la famiglia Torre realizza il memoriale con l'assegnazione del Premio "Marcello Torre". Si riporta a seguire quanto ritrovato sul web dall'anno 2010.

  • 9 > 12 dicembre 2010 Trenttennale dell'anniversario:
    Giorno 9 - Raduno Nazionale dei Giovani di Libera presso il Circolo Unione di Pagani.
    Giorno 10 - Dibattito sui temi della legalità presso il  Circolo Unione di Pagani.
    Giorno 11 - Cerimonia di Conferimento del 28° Premio Nazionale per l'Impegno Civile. Segue la messa in suffragio presso la Basilica Sant’Alfonso Maria de’ Liguori a Pagani (SA).
  • Giorno 12 - Cerimonia di intitolazioni organizzate dal Comune [vedi memoria].
  • 9 e 10 dicembre 2011 - 29° Premio Marcello Torre:
    Giorno 9 - Laboratorio dedicato agli alunni del Liceo scientifico "Magnini" di Pagani dal titolo:"Le belle tasse. Ciò che i bambini ci insegnano sul bene comune", ideato e curato dal Prof. Franco Fichera, docente di Diritto Tributario presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.
    Giorno 10 -  Cerimonia di conferimento del Premio Marcello Torre. Segue una messa in suffragio presso la Chiesa della Purità a Pagani.
  • 11 dicembre 2012 - 30° PremioNazionale per l'Impegno Civile "Marcello Torre" presso il Liceo Scientifico "Mangino" di Pagani (SA), segue, nel pomeriggio, una messa in suffragio presso la Chiesa della Purità a Pagani.
  • 11 dicembre 2013 - 31° Premio Nazionale per l'Impegno Civile "Marcello Torre" presso il Liceo Scientifico "B.Mangino" di Pagani con la consegna dei Premi e delle borse di studio. La manifestazione si conclude con l'intitolazione alla memoria dell'Aula consiliare del Comune. 
  • 18 ottobre 2014 - Manifestazione dedicata dal titolo:"l'eredità morale di Marcello Torre. Modello etico nella lotta alla corruzione e alla contiguità" presso il Salone delle Armi del Tribunale di Nola.
  • 10 e 11 dicembre 2014 - 32° Premio Marcello Torre:
    Giorno 10 - Proiezione del film "La nostra terra"di Giulio Manfredonia presso il Cinema La Fenice.
    Giorno 11 - Cerimonia di conferimento del Premio Marcello Torre. Segue una messa in suffragio presso la Chiesa della Purità a Pagani.
  • 10 e 11 dicembre 2015 - 33° Premio Marcello Torre:
    Giorno 10 - Dibattito con una tavola rotonda presso la Pinacoteca dell'Auditorium Sant'Alfonso Maria de' Liguori di Pagani con presentazione del libro "il Sindaco Gentile" e della borsa di studio rivolta ai laureandi in giurisprudenza.
    Giorno 11 - Momento di raccoglimento con deposizione dei fiori nel luogo del delitto. Segue la messa in scena dello spettacolo "Uomini Contro" a cura dei detenuti dell'Istituto a Custodia Attenuata - ICATT di Eboli presso l'Auditorium di piazza Sant'Alfonso. Prosegue la Cerimonia di Conferimento del Premio Nazionale per l'Impegno Civile. Nel pomeriggio, la tradizionale messa in suffragio presso la Chiesa della Purità sempre a Pagani.
  • 6 maggio 2016 - Dedicata la manifestazione "Resistenze di oggi" svolta presso lo Spazio Incontri della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, prendendo la storia del Sindaco paganese come soggetto del dibattito.
  • 9 > 12 dicembre 2016 - 34° Premio Marcello Torre:
    Giorno 9 - Presentazione del libro Il Sindaco Gentile presso la Sala Bottiglieri del Palazzo Sant’Agostino, a Salerno.
    Giorno 11 - Messa in suffragio presso la Chiesa della Purità a Pagani (SA) seguita dalla deposizione dei fiori in Loco Delicti. Nel pomeriggio Tavola rotonda sul tema delle Mafie e presentazione del progetto editoriale "Il Nuovo Piccolo Giornale" presso la Pinacoteca dell’Auditorium Sant’Alfonso Maria de’ Liguori a Pagani (SA).
    Giorno 12 - Cerimonia di Conferimento del Premio Nazionale per l’Impegno Civile presso l'Auditorium Sant’Alfonso Maria de’ Liguori di Pagani (SA).
  • 10 e 11 dicembre 2017 - 35° Premio Marcello Torre:
    Giorno 10 - Messa in suffragio presso il Santuario di Santa Maria del Carmelo a Pagani (SA), celebrata da Fra’ Giuseppe Iovino. Segue nel pomeriggio un incontro dibattito tra giornalisti, docenti, Istituzioni e associazioni presso la Pinacoteca dell’Auditorium Sant’Alfonso Maria de’ Liguori.
    Giorno 11 - Cerimonia di Conferimento del Premio Torre, attestati di Merito e Premio Laura presso l'Auditorium Sant’Alfonso Maria de’ Liguori a Pagani (SA). Conclude la mattina la deposizione dei fiori in Loco Delicti. Nel pomeriggio, inaugurazione dei luoghi alla memoria a Castel San Giorgio (SA) [vedi memoria]
  • 10 e 11 dicembre 2018 - 36° Premio Marcello Torre:
  • Giorno 10 - Messa in scena dello spettacolo "Le nostre storie - Viaggio in Italia per conoscere chi lotta contro la criminalità organizzata" presso l’Auditorium Sant’Alfonso Maria de’ Liguori di Pagani. A seguire, un’intervista-dibattito con don Tonino Palmese, Presidente della Fondazione Pol.I.S. della Regione Campania. 
    Giorno 11 - Cerimonia di conferimento del Premio Nazionale per l’Impegno Civile 2018. Segue la deposizione dei fiori sul luogo del delitto in via Perone a Pagani (SA). Infine, nel pomeriggio una messa in suffragio presso il Santuario della Madonna delle Galline.
  • 10 e 11 dicembre 2019 - 37° Premio Marcello Torre:
  • 23 novembre 2020 - Webinar di presentazione del nuovo volume del libro "il sindaco genitile" promosso dalla Fondazione Poli in occasione del 40° anniversario del terremoto d'Irpinia. articolo Coordinamento.
  • 9 dicembre 2020 Webinar con n dibattito sui temi delle mafie in occasione del 40° anniversario.
  • 11 dicembre 2020  - Deposizione di fiori a Pagani (SA). (il consueto Premio è stato rimandato a maggio 2021 in conformità alle DPCM anti-covid).

 

L'Associazione "Marcello Torre"

Fondata a Pagani nel 1982 dalla volontà di Lucia De Palma, moglie di Marcello, con amici, colleghi e familiari. Le attività mirano principalmente a sensibilizzare la cittadinanza e soprattutto i giovani sui temi della legalità e della lotta alle mafie e ovviamente al ricordo di ciò che Marcello ha rappresentato per Pagani e per la lotta alla criminalità. Fiore all'occhiello e l'organizzazione annuale del Premio dedicato alla figura di Marcello, celebrato annualmente l'11 dicembre, ricorrenza della scomparsa. [Fonte:sito Associazione]

Il Premio Nazionale per l'Impegno Civile Marcello Torre

Nasce insieme all'Associazione per stimolare, intorno alla figura di Marcello, una riflessione profonda sul valore dell'impegno civile, sulla testimonianza di tante donne e di tanti uomini che hanno lottato, lottano e coraggiosamente vorranno ancora lottare sognando un'Italia "libera e civile". Il Premio, al quale da diversi anni la Presidenza della Repubblica ha concesso l'onore dell'Alto Patrocinio Morale, si svolge tradizionalmente in occasione del giorno dell'anniversario dell'omicidio di Marcello Torre, coinvolgendo Istituzioni, scolaresche, associazioni e singoli cittadini, tutti chiamati a rinnovare una promessa di impegno e un dovere di memoria.

Vuoi saperne di più? Visita il sito:
www.associazionemarcellotorre.it

 

Il periodico "Il Nuovo Piccolo Giornale"

Fondato il 10 ottobre del 1970, Il Piccolo Giornale era un periodico di approfondimento e discussione politica diretto da Marcello Torre. Dopo quarantasei anni il progetto riprende vita con una nuova veste ma con le stesse intenzioni. Uno spazio di inchiesta, discussione, cronaca e approfondimento sui temi delle camorre e della Politica in provincia di Salerno. Cronisti locali e firme di interesse nazionale si incontrano virtualmente in queste pagine per offrire un racconto non superficiale del territorio italiano per restituire dignità ai territori. Un nuovo progetto editoriale, online, con una redazione diffusa e partecipata che racconta le mafie e l'antimafia partendo dalla memoria di una vittima innocente di camorra.

Il sogno dell'ideatore di questo giornale era rivolto alla sua Pagani, pensata come "civile" e "libera". Il Nuovo Piccolo Giornale prende in consegna questa speranza, la attualizza e la estende a tutto il territorio salernitano. [fonte:sito]

Vuoi saperne di più? Visita il sito:
www.ilnuovopiccologiornale.it

 
Resta connesso con Marcello Torre, l'associazione e il periodico

Per rimanere informato sui prossimi eventi in memoria di Marcello Torre o delle attività dell'Associazione, segui la pagina Facebook dedicata a lui: 

Associazione Marcello Torre @premiomarcellotorre

Oppure, segui le vicende del periodico "Il Nuovo Piccolo Giornale" sui canali social:

Facebook - Tweeter - YouTube

Pubblicato in Storie

30 agosto 2020 - PAGANI. Un nuovo Centro d'ascolto è stato inaugurato e intitolato ad Antonio Esposito Ferraioli, cuoco e sindacalista ucciso dalla dalla camorra nel 1978. A 42 anni dal tragico omicidio la collettività di Pagani non dimentica un brav'uomo assassinato per aver difeso i diritti e la salute dei suoi colleghi. "Le emozioni di questi giorni sono sempre forti. Anche se passano gli anni non si affievoliscono e ci aiutano a non perdere il cammino". Le parole di Mario E.F., fratello di Antonio. 

Conosci la storia di Antonio Esposito Ferraioli? Approfondisci alla pagina dedicata a lui!

Inaugurazione Centro d'ascolto Tonino Esposito Ferraioli:

42 anni fa moriva Antonio Esposito Ferraioli, oggi la sua memoria è ancora più viva. "Tonino era un giovane che diceva tante cose attraverso il suo modo di vivere. Difendeva i tanti diritti e le tante famiglie attraverso la pratica quotidiana della legalità" dice suo fratello Mario che da anni racconta con orgoglio la storia di Antonio. Da oggi a lui è intitolato un Centro d'ascolto dove le persone potranno ricevere, tramite una consulenza gratuita, ogni tipo di assistenza. Da quella sanitaria a quella psicologica o legale, insomma, un ascolto a 360° per migliorare le vite dei concittadini. La sede è un plesso di sale adiacenti alla parrocchia di San Sisto II nonché promotore dell'evento in collaborazione con il Presidio Libera di Pagani che ha organizzato il tutto. 

L'inaugurazione è stata preceduta da una santa messa tenutasi alle ore 20:00 presso la Chiesetta di Montevergine e celebrata dal parroco don Giuseppe Pironti. A seguire, i presenti si sono ritrovati, nel pieno rispetto delle normative sulla sicurezza sanitaria anti-Covid19, presso la struttura visitata solo dopo la benedizione. Gli stessi ambienti che Antonio frequentava da giovane nei percorsi cristiani e come caposquadriglia degli scout. Le parole a lui dedicate durante la funzione: «Nessun uomo è un’isola, completo in se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte del tutto. Se anche solo una zolla venisse lavata via dal mare, l’Europa ne sarebbe diminuita, come se le mancasse un promontorio, come se venisse a mancare una dimora di amici tuoi, o la tua stessa casa. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell’umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te» (fonte: pagina Fb del Presidio Libera Pagani).

Il programma continua con la proiezione del corto: "Tonino" e il confronto dei presenti con le diverse testimonianze di familiari delle vittime e referenti delle associazioni. 

Conosci la storia di Antonio Esposito Ferraioli? Approfondisci alla pagina dedicata a lui!

In memoria di Tonino, non solo "ascolto": 

Il Centro d'ascolto non è l'unica attività assistenziale promossa. Ebbene, l'appartamento è strutturato in modo da accogliere un vero e proprio emporio inaugurato lo scorso Natale. Al suo interno le persone che hanno fatto richiesta del pacco alimentare anziché ritirare la spesa preconfezionata dagli operatori possono selezionare i prodotti più adatti alle loro esigenze familiari mediante un punteggio assegnatogli. "Abbiamo tenuto conto che una famiglia con bambini ha abitudini alimentari diverse da una coppia di anziani e in questo modo tutti sono più contenti e si limitano gli sprechi. Io la definisco: una carità intelligente". Lo dichiara sempre Mario Esposito Ferraioli, responsabile e volontario della Caritas con la quale hanno creato questa splendida collaborazione sul territorio.

Le sue concludono la commemorazione con una riflessione nel ricordo del fratello: "la legalità è rischiare x gli altri, è coerenza di cuore, parole e azioni, è una battaglia per coraggiosi. Tonino non si è nascosto dietro ai tanti silenzi ma ha denunciato, non ha chinato la testa o fatto finta di non vedere. Tonino era un giovane coraggioso che c'insegna che: avere paura significa arrendersi. Alla fine del corto, torna all'appuntamento coi suoi assassini dicendo: «non ho paura». Una frase che vuole inspirare il coraggio da mettere in campo nelle scelte che facciamo tutti i giorni".
 
Pubblicato in Eventi
%PM, %20 %886 %2017 %20:%Feb

Antonio Esposito Ferraioli

Antonio Esposito Ferraioli, 27 anni

Antonio Esposito Ferraioli fu ucciso il 30 agosto 1978, in via Alfonso Zito, a Pagani (SA). Lavorava come cuoco della mensa della "FATME", un'azienda nel settore dell'elettronica e delle telecomunicazioni che chiuse in seguito nel 1994. Nella medesima ricopriva anche il ruolo di sindacalista per il suo forte senso civico battendosi a favore dei diritti dei lavoratori. Proprio dall'unione di questi due ruoli che all'interno degli ambienti del malaffare maturò l'intenzione di eliminarlo. Antonio denunciò l'uso di carne di provenienza sospetta all'interno della mensa, d'altronde in quel periodo i furti di tir avvenivano all'ordine del giorno.

La sera del 30 agosto 1978, Tonino (come lo chiamavano gli amici) era a casa della fidanzata Angela, anche lei operatrice nella mensa FATME, per organizzare il loro matrimonio che si sarebbero celebrato il mese successivo. Verso le 23:30 Antonio uscì per rincasare ma, quando fu vicino alla sua "Citroen", parcheggiata all'angolo di Via Alfonso Zito, gli si affiancò un' Audi 112 blu a fari spenti con due persone a bordo. Venne esplosa una carica di lupara che tramortirono l'uomo a terra. In breve, venne soccorso da dei passanti e trasportato all'ospedale di Nocera Inferiore a bordo della sua stessa auto. Purtroppo le ferite inferte toccarono organi vitali vanificarono i soccorsi. Antonio morì un'ora dopo.

Storico giuridico

  • 14 luglio 1980 - Secondo quanto emerso nel dibattimento alla Camera dei Deputati, il pregiudicato Salvatore Serra e alla sua banda, sarebbero imputabili in quanto noti per aver imposto con minacce e attentati dinamitardi il controllo sulle aziende dell'Agro Nocerino Sarnese.
  • Alcuni anni dopo la morte di Antonio Esposito Ferraioli fu avviato un processo a carico di Giuseppe De Vivo, pregiudicato paganese, e di Aldo Mancino, imprenditore ed ex amministratore comunale DC di Pagani.
    Il processo era a cura del sostituto procuratore Nicola Giacumbi, lo stesso che sarebbe stato ucciso dalle Brigate Rosse.
  • 1990 - Entrambi gli indagati furono prosciolti ed archiviate le indagini.
  • 2002 - Il pm antimafia Vito Di Nicola chiese la riapertura delle indagine.
  • 24 ottobre 2014 - Con la sentenza del Tribunale di Nocera Inferiore, Giudice dott. Carlo Mancuso, Antonino Esposito Ferraioli fu riconosciuto "vittima innocente della criminalità organizzata" su ricorso presentato dalla famiglia.
  • Ad oggi, tuttavia, nessun processo è stato avviato contro i mandanti e gli esecutori dell'omicidio Ferraioli.

 

Il ricordo di Mario Esposito Ferraioli, fratello di Antonio

"Quella notte ero a poche centinaia di metri da mio fratello perché la mia fidanzata, attuale moglie, abitava sulla stessa via della sua fidanzata. Quando scesi in strada vidi gente ammassarsi nell'incrocio dove avvenne l'omicidio e, più per curiosità gli andai in contro per capire cosa fosse accaduto. Mentre mi avvicinavo, vidi l'auto di mio fratello che a gran velocità sfrecciava in direzione opposta sulla strada parallela. Immaginai che Tonino stesse soccorrendo qualcuno che si fosse sentito male, invece, quando chiesi nella folla dell'accaduto, fu lì che mi dissero: «hanno sparato a Tonino». Fermai un automobilista e gli chiesi di portarmi al pronto soccorso di Pagani. Non riuscì nemmeno ad entrare. Fuori alla struttura mi dissero che per la gravità delle ferite era stato trasferito all'ospedale di Nocera, così, presi possesso dell'auto di mio fratello e lo seguì. Mi ritrovai solo con Antonio in una saletta. Con quel poco di voce che gli rimase mi disse che gli mancava l'aria, chiesi aiuto, purtroppo in sala operatoria non poterono fare nulla per salvarlo".

"Mio fratello meritava la fiducia dei suoi colleghi. Non si fece corrompere ed ebbe il coraggio di denunciare gli abusi aziendali che ricadevano sulla stessa salute dei dipendenti. Furono anni difficili, avevo pochi anni di differenza con lui e abitavamo insieme sotto il tetto dei nostri genitori. Per me è sempre stato un esempio da seguire. Mio fratello era un ragazzo onesto, eppure, per le sue ideologie politiche, venne attaccato. Purtroppo nella stessa politica c'è anche chi sfrutta i nomi delle vittime innocenti per un proprio tornaconto".

"Oggi è soprattutto grazie alla fede se riesco a portare avanti la storia di Tonino e ad essere presente nei diversi percorsi in collaborazione con le Associazioni territoriali come il Coordinamento dei familiari delle vittime innocenti e Libera. Tutto grazie ad Annamaria Torre, figlia di Marcello Torre. Lei ha tanto insistito affinché la seguissi nelle manifestazioni aiutandomi a intraprendere un cammino attraverso il quale, raccontando la storia di mio fratello, so di rendere omaggio alla sua Memoria".

Quello che è importante nella vita, che ripaga davvero, sono gli esempi che si danno alle persone e, allo stesso modo, gli esempi che si seguono per diventare persone migliori.

#Memoria: Eventi, menzioni e intitolazioni ad Antonio Esposito Ferraioli

  • 2007 - Intitolata la sede della Camera del Lavoro territoriale di Nocera Inferiore (SA).
  • 12 marzo 2009 - La storia di Antonio è menzionata nel libro: "Lotta civile" di Antonella Mascali. Editore Chiarelettere.
  • 26 agosto 2010 - La storia di Antonio è raccontata nel libro: "Al di là della notte" di Raffaele Sardo. Edito Pironti, promosso dalla Fondazione Polis.
  • 2 maggio 2011 - Intitolazione del tratto di strada a Pagani che costeggia l'ex sede della fabbrica FRATME.
  • 26 maggio 2011 - Intitolazione dell'Istituto Alberghiero di Poggioreale (Napoli), sito in Via Gorizia.
  • Agosto 2012 - Commemorazione durante la manifestazione indetta dal movimento "Impegno per la Città", associazione presente nella vita politica e sociale del comune di Pagani.
  • 2 maggio 2013 - La storia di Antonio è menzionata nel libro: "Italia giallo e nera" di Sabrina Ramacci. Edito da Newton Compton.
  • 31 maggio 2013  - La storia di Antonio è menzionata nel libro:: "Dizionario enciclopedico delle Mafie in Italia". Curatore C. Camarca, Edito Castelvecchi.
  • Ottobre 2013 - La storia di Antonio è menzionata nello spettacolo teatrale: "Prima che si faccia tardi" scritto da Giuseppe Leone e Alfonso Liguori.
  • N.R. - Il comitato "Antonio Esposito Ferraioli" di Pagani promuove annualmente Il Premio all'impegno civile.
  • Maggio 2016 - La 10ª edizione del Premio Tonino Esposito Ferraioli si è svolta presso l'auditorium di Sant'Alfonso con un dialogo con don Luigi Ciotti, i parenti di Tonino e gli studenti degli istituti scolastici coinvolti.
  • 1 marzo 2017 -  Inaugurazione della Masseria Antonio Esposito Ferraioli , un complesso di 10 etari di terreni confiscati alla camorra ad Afragola (NA).
  • Novembre 2017 - Pubblicato un bando per l'assegnazione di 100 orti urbani su 1000 mq di terreni confiscati che fanno parte della Masseria dedicata ad Antonio Esposito Ferraioli, ad Afragola (NA). 
  • 13 maggio 2019 - Proiezione del corto: "Tonino" presso il multisala "La Fenice" di Pagani.
  • 14 maggio 2019 - Intitolazione del Presidio Libera di Pagani con assegnazione di una borsa di studio ad un alunno meritevole dell'Ipsar di Pagani "Marco Pittoni".
  • 30 agosto 2020 - Giornata alla memoria con: una santa messa presso la chiesetta di Montevergine a Pagani. Segue l'inaugurazione del Centro di Ascolto "Antonio Esposito Ferraioli" durante il quale viene proiettato il corto "Tonino". L'evento è organizzato dall'Associazione Libera, la caritas e la parrocchia di San Sisto !! di Pagani.

 

La ricetta di Tonino "Ciottolini della Legalità"

Tra le tante cose di Tonino, ho trovato alcune ricette. Una in particolare mi ha colpito e sono sicuro che era la sua preferita, quella che amava di più. Una ricetta strana, un piatto delizioso che gli riusciva bene perché Tonino possedeva tutti gli ingredienti giusti. (Mario Esposito Ferraioli)

In tutto ciò che fai nella vita:

Metti sempre "Impegno, Serietà e Professionalità"
Condisci il tutto con "Onestà, Coerenza e Trasparenza"
Aggiungi dosi di "Coraggio e Buona Volontà
e alla fine 
dai sapore al tutto con "un pizzico di Amore per la Vita".
Sarai una persona Meravigliosa!

 

 

Pubblicato in Storie