Eventi

Visualizza articoli per tag: memoria

CAIVANO - Sabato 14 dicembre, i familiari delle vittime innocenti della criminalità sono stati invitati a partecipare alla celebrazione di una santa messa, in occasione delle prossime festività natalizie. L'invito è pervenuto direttamente da don Maurizio Patriciello, sacerdote noto nella comunità per la difesa della "Terra dei fuochi" e delle diversità interrazziali. L'incontro ecclesiastico si è svolto presso la parrocchia "San Paolo Apostolo" (in via Circumvesuviana Ovest al Parco Verde di Caivano).

Un'occasione di aggregazione in cui due comunità si sono unite in un abbraccio tra "feriti" per disegnare, a partire dalla preghiera, una traiettoria di riscatto che dia ancora più senso alla sopravvivenza alla violenza criminale. "Li ringrazio per avere accettato il mio invito ed essere venuti nella nostra parrocchia - dice Padre Maurizio- Il Signore consoli i loro cuori afflitti e dia a tutti noi il coraggio di dire sempre e solamente NO a ogni forma di prepotenza, di illegalità, di camorra, di mafia". La memoria e il dolore, così come fede e speranza, hanno unito tutti i presenti in un'amicizia fatta di giustizia sociale.

È stato un momento veramente importante per noi familiari, un ritrovarsi tutti insieme per la memoria dei nostri cari. È stato bello essere riscaldati dall'abbraccio di don Patriciello e della sua comunità. Due mondi paralleli uniti dal medesimo impegno, dalla stessa forza" dichiara Carmen Del Core - Presidente in carica del Coordinamento Campano dei familiari delle vittime innocenti.

Un pomeriggio ricco di emozioni per i presenti i quali rivolgono un profondo "Grazie" ai due sacerdoti. Per don Tonino Palmese, padre spirituale del Coordinamento nonché presidente della Fondazione Polis, da sempre accanto alle sofferenze dei familiari, pronto sia a dare loro conforto sia spunti di riflessione. Altrettanto affetto e riconoscenza è per Padre Maurizio Patriciello, e al suo forte messaggio al fine di risvegliare le coscienze e lo spirito di rivolta sociale per riqualificare il territorio.


Questi cari fratelli e sorelle sono morti anche per Te, non dimenticarlo mai!.

(Padre Maurizio Patriciello)

Pubblicato in Eventi
%PM, %19 %595 %2017 %13:%Set

IN MEMORIA DI TERESA BUONOCORE

Pubblicato in Eventi
%AM, %19 %264 %2017 %05:%Giu

CONCERTO IN MEMORIA DI SALVATORE NUVOLETTA

In occasione del trentacinquesimo  anniversario della morte di Salvatore Nuvoletta,   giovedì 22 giugno alle ore 19.00 presso Casa Don Diana a Casal di Principe all'interno del Festival dell'Impegno Civile si terrà il concerto della fanfara dei carabinieri. Interverranno rappresentati del corpo dei Carabinieri, i familiari di Salvatore Nuvoletta ucciso dalla camorra il 2 luglio 1982 e un componente del coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità. 

Pubblicato in Eventi
%AM, %16 %280 %2017 %05:%Mag

PERCHÉ LA MEMORIA DEVE ESSERE IMPEGNO

In occasione del nono anniversario dell'uccisione di Domenico Noviello il 16 maggio dalle ore 10.30 a Castel Volturno si terrà l'incontro "Perchè la Memoria DEVE essere Impegno"

Pubblicato in Eventi
%PM, %27 %551 %2017 %12:%Apr

Tiziano Della Ratta

Tiziano Della Ratta, 35 anni.
 
Il 27 aprile 2013 Tiziano Della Ratta e il suo collega Domenico Trombetta intervengono per un sopralluogo in una gioielleria di Maddaloni. Mentre i due carabinieri sono nel retrobottega fanno il loro ingresso in negozio due uomini ed una donna armati. I carabinieri intervengono per sventare la rapina ma si innesca un conflitto a fuoco che prosegue per strada. Durante la sparatoria Tiziano Della Ratta viene colpito mortalmente, i rapinatori e un cliente vengono feriti.
Nel marzo 2015 i componenti della banda vengono condannati con vari capi di imputazione con pene che vanno dai 4 anni di reclusione all'ergaastolo.
 
Pubblicato in Storie
%PM, %18 %573 %2017 %12:%Apr

IN MEMORIA DI GAETANO MONTANINO

Pubblicato in Eventi
%PM, %18 %573 %2017 %12:%Apr

IN MEMORIA DI GAETANO MONTANINO

Pubblicato in Eventi
%PM, %02 %696 %2017 %15:%Mar

Alberto Vallefuoco

Alberto Vallefuoco, 24 anni.

Il 20 luglio 1998, insieme a due amici e colleghi del pastificio Russo, Rosario Flaminio, 24 anni, e Salvatore De Falco, 21 anni, viene assassinato davanti al bar Manila di Pomigliano D’Arco, durante l’ora di spacco.

I giovani stanno per entrare in macchina quando tre sicari a bordo di una “Lancia Y” con in pugno revolver e kalashnikov ed il volto coperto da cappucci, sparano circa quaranta colpi uccidendo all’istante i tre colleghi e ferendo di striscio la cassiera.

I tre ragazzi sono stati scambiati per appartenenti ad un clan locale in lotta con un’altra banda di camorra per il controllo del territorio.

I responsabili del triplice omicidio sono stati processati e condannati.

Pubblicato in Storie
%PM, %25 %767 %2017 %17:%Feb

6° TROFEO FIAMME ARGENTO

Il 5 marzo alle ore 9.00 a Sant'Angelo in Formis si terrà il sesto trofeo fiamme argento dedicato alle vittime innocenti della criminalità in Campania.

PROGRAMMA

ore 07.15 raduno atleti e giuria in via IV Novembre Sant'Angelo in Formis (Ce)

ore 09.00 partenza gara competitiva 10 km e gara non competitiva 3 km

ore 10.30 gara dei 400m riservata agli alunni delle scuole elementari e medie

ore 11.10 cerimonia di premiazione, Piazza Vettore III

 

Pubblicato in Eventi
%PM, %20 %886 %2017 %20:%Feb

Antonio Esposito Ferraioli

Antonio Esposito Ferraioli, 27 anni

Chef nelle cucine della Fatme-Ericsson a Pagani e sindacalista, si batteva per il rispetto dei diritti dei lavoratori, denunciando la gestione di subforniture irregolari, viene ucciso il 30 agosto 1978 da un commando di camorristi.

Ad oggi nessun processo è stato avviato contro i mandanti e gli esecutori dell’omicidio

Pubblicato in Storie
Pagina 1 di 3