Visualizza articoli per tag: borse di studio

NAPOLI 9.04.2020 - Le limitazioni per l'emergenza sanitaria di questo periodo, seppur rallentano la burocrazia, non impediscono alla Regione Campania di portare a termine un'impegno preso. Parliamo del sostegno alle vittime innocenti dei reati intenzionali violenti e dei loro familiari. In data odierna, sono state stanziate ben 155 borse di studio per il "sostegno socio-educativo, scolastico e formativo a favore delle vittime innocenti di camorra, dei reati intenzionali violenti e dei loro familiari."

Dal Coordinamento alla Regione, un faro per i diritti delle vittime innocenti

Tutti sappiamo che le borse di studio, ideate dal Coordinamento nel lontano 2014, sono diventate oggetto di una legge regionale, definitivamente approvata nel dicembre del 2018 - Legge Regionale n. 54/2018 "Istituzione del Fondo regionale per il sostegno socio-educativo, scolastico e formativo a favore delle vittime innocenti di camorra, dei reati intenzionali violenti e dei loro familiari”. Lo ricorda Carmen Del Core, Presidente del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti. "Siamo stati orgogliosi nell'apprendere l’intenzione della Regione Campania di istituzionalizzare la nostra iniziativa, una importante esperienza di solidarietà orizzontale rivolta ai familiari delle vittime innocenti classificati dallo Stato «vittime di serie B»”.
 
L’istituzione delle borse di studio del Coordinamento aveva, infatti, come obiettivo primario ridurre, seppur minimamente e solo all'interno del proprio sodalizio, le differenze legislative tra le vittime della criminalità comune e le vittime della criminalità organizzata. Inoltre, possedeva una forza particolare, ossia riconoscere lo stesso diritto anche ai fratelli e alle sorelle delle vittime che mai riceveranno benefici di legge. Si trattava di una iniziativa orientata ad accendere i riflettori sull'esigenza di un'equiparazione giuridica tra tutte le vittime innocenti dei reati intenzionali violenti, secondo quanto prescritto dall'Unione Europea con la Direttiva 2004/80/CE. "Siamo stati lieti di contribuire, insieme alla Fondazione Polis, alla stesura della Legge 54/18, prima esperienza in tutta Italia".

"È l’inizio di un nuovo percorso di solidarietà da vivere tutti insieme"

Regione Campania: 155 borse di studio in dirittura di arrivo

Ad annunciarne la notizia dell'avvenuto stanziamento è Antonio Marciano, Consigliere regionale del Pd nonché firmatario del progetto di legge istitutivo del fondo assieme a Fancesco Moxedano e Carmine De Pascale. "Non è un atto di solidarietà ma una risposta concreta alle vittime che si sono trovate spesso isolate e abbandonate". Dichiara il Consigliere. "Queste 155 borse di studio rappresentano un passo cruciale nella ricostruzione di un rapporto sano tra Stato e cittadini - continua Marciano - abbiamo infatti superato quell'assurda divisione tra le vittime di violenza comune e quelle della criminalità organizzata o del terrorismo."

Con il Fondo regionale adibito, quest'anno sono state assegnate ben 155 borse di studio per un valore complessivo di 257,500 euro. Un encomio alla Fondazione Polis della Regione Campania, la quale, ha raccolto e gestito le candidature tra i familiari. L'Istruttoria ha collezionato 155 domande risultate tutte idonee. Nel dettaglio:

  • 51 premi da 1000 euro per gli iscritti alla scuola dell'infanzia e primaria;
  • 16 premi da 1500 euro per gli iscritti alla scuola secondaria di primo grado ;
  • 39 premi da 2000 euro per gli iscritti alla scuola secondaria di secondo grado;
  • 31 premi da 2500 euro per gli iscritti all'università;
  • 18 premi da 1500 euro per gli iscritti ai corsi di formazione.

"Con viva soddisfazione vogliamo annunciarvi che stiamo procedendo all'elargizione delle borse di studio e del sostegno ai corsi di formazione". Scrive il Segretario della Fondazione Polis, Enrico Tedesco, nel comunicato ai familiari annunciandogli la bella notizia per poi congedarsi con un augurio affettuoso: "consideratelo il nostro ideale augurio per l’ormai imminente Pasqua, che auspichiamo per voi tutti all'insegna della serenità."

Pubblicato in News
%PM, %15 %645 %2016 %14:%Dic

CERIMONIA DI CONSEGNA BORSE DI STUDIO

Martedì 20 dicembre, alle ore 16.30, presso la Sala Giunta della Regione Campania (via Santa Lucia), si svolgerà la cerimonia di consegna delle borse di studio ai familiari delle vittime innocenti della criminalità.
L'iniziativa, giunta alla sua terza edizione, è promossa dal Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità con il sostegno della fondazione Pol.i.s., con l'obiettivo di porre l'attenzione sull' equiparazione giuridica di tutte le vittime innocenti di reati intenzionali violenti. Al momento, infatti, nonostante la direttiva dell'Unione Europea 2004/80/CE e la recente emanazione della L.122/2016 le vittime di criminalità comune non possono accedere ai benefici previsti per le vittime della criminalità organizzata. L'iniziativa è, inoltre, rivolta a tutti quei familiari che per vari motivi non hanno accesso ai fondi pubblici. Alla cerimonia di consegna delle ventiquattro borse di studio è prevista la presenza dell'assessore all'istruzione e alle politiche sociali della regione Campania Lucia Fortini.

Pubblicato in Eventi
%PM, %24 %655 %2016 %14:%Ott

BORSE DI STUDIO

Regolamento per l'assegnazione di BORSE DI STUDIO in favore dei propri iscritti

Il Coordinamento Campano dei familiari delle vittime innocenti di criminalità emana il seguente regolamento:

Art. 1.

Ambito di applicazione

Il presente regolamento disciplina l‘assegnazione delle borse di studio in favore delle vittime di criminalità, nonché dei loro superstiti e/o figli, iscritti al Coordinamento in base allo Statuto, alla data del 31-12 dell’anno precedente.

I destinatari per assegnazione delle borse di studio sono:

  1. coloro che non possono utilizzare analogo beneficio da parte dello Stato di cui al D.P.R. 05-05-2009 n. 56 (Borse di studio in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata di cui all'articolo 4 della legge 23 novembre l998, n. 407, e successive modificazioni).

  2. Coloro che non hanno avuto alcun beneficio economico da parte dello Stato (legge 302/90, 407/98, 512/99. 244/07 ecc.)

Art. 2.

Oggetto della disciplina

1. Ai destinatari di cui all'articolo 1, sono assegnate borse di studio con la frequenza di scuole statali o parificate (elementare, secondaria inferiore e secondaria superiore, ai corsi di laurea triennale, laurea specialistica/magistrale a ciclo unico e non, ai corsi delle istituzioni per l'alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) ed alle scuole di specializzazione, con esclusione di quelle retribuite e dei corsi telematici).

2. Nei limiti dello stanziamento previsto, che sarà comunicato di volta in volta,le borse di studio saranno assegnate annualmente in rapporto alle disponibilità economiche del Coordinamento.

3. Per un’ equa ripartizione dei fondi, in funzione della situazione economica familiare, per l’anno 2016 le borse di studio saranno diversificate in base all’ISEE del richiedente. Gli indicatori e i relativi importi che saranno erogati sono i seguenti:

1a fascia per un ISEE da 0 a 7500 euro un importo di 1200,00 euro

2a “ “ “ “ “ 7501 a 10000 euro un importo di 800,00 euro

3a “ “ “ “ “ 10001 a 15000 euro un importo di 400,00 euro

4a “ “ “ “ “ 15001 a 25000 euro un importo di 200,00 euro

da 25001 in poi non è prevista l'erogazione di alcuna borsa di studio

Art. 3.

Requisiti per l'ammissione

  1. Possono presentare domanda per l'assegnazione delle borse di studio i soggetti indicati dall'articolo 1, con i seguenti requisiti:

    a. che frequentino regolarmente l’anno scolastico in corso 2016/2017, sono quindi esclusi gli studenti universitari fuori corso;

    b. che abbiano conseguito la promozione alla classe superiore o la licenza elementare o la licenza media o il diploma di istruzione secondaria superiore o titolo equiparato nell’anno scolastico 2015/2016;

    c. che abbiano superato, nell’anno accademico 2015/2016, almeno due esami i cui crediti complessivi non siano inferiori a venti ovvero conseguano la laurea o il diploma accademico entro l'anno accademico successivo a quello dell'ultimo esame sostenuto;

    d. non abbiano compiuto quaranta anni al momento della domanda

    e. con indicatore ISEE inferiore a 25001 euro

  1. Le domande per le borse di studio di cui all'articolo 1, per l’anno 2016 , redatte su modulistica allegata al presente regolamento, devono essere inviate entro trenta giorni dalla data di emanazione del bando al Coordinamento Campano presso la Fondazione Polis Via Raffaele De Cesare n. 28 80132 Napoli mediante lettera raccomandata (farà fede il timbro postale) o consegnata a mano alla segreteria della stessa che rilascerà apposita ricevuta di ricezione, allegando alla stessa:

    a. Attestato di frequenza dell’anno scolastico 2016/2017

    b. Per la scuola media e superiori attestato di promozione dell’anno scolastico 2015/2016;

    c.Per le università, certificato di superamento di n. 2 esami nell’anno accademico 2015/2016.

    d. Attestazione ISEE in corso di validità

Art. 4.

Commissione

1 Le domande, ed eventuali controversie/chiarimenti al presente regolamento, sono esaminate da una Commissione formata dal Consiglio Direttivo del Coordinamento e dal Presidente del Comitato Territoriale che si riunirà in una apposita seduta.

2. In caso di controversia le deliberazioni sono adottate a maggioranza dei componenti.

3. La Commissione, in base alle domande pervenute, redige apposito verbale.

 

Napoli, li 19 ottobre 2016

Pubblicato in News