Visualizza articoli per tag: francescodellacorte

SCAMPIA - Questa mattina è stata inaugurata e intitolata a Francesco Delle Corte un'area giochi nei pressi della stazione EAV. Un simbolo di riqualificazione del territorio voluto dall'amministrazione locale e dal Presidente EAV, Umberto De Gregorio, il quale aveva già annunciato un anno prima questo forte desiderio. Difatti l'evento sarebbe dovuto avvenire nei primi mesi del 2020 ma a seguito dello scoppio della pandemia, con le conseguenti restrizioni, la data per celebrare la memoria della vittima innocente della criminalità ha dovuto attendere fino ad oggi. Ti consigliamo di approfondire con la storia di Francesco Della Corte

 

Intitolazione "Area Giochi Francesco Della Corte"

È trascorso all'incirca un anno da quando fu presentato il progetto per la riqualificazione dell'area adiacente la stazione metropolitana di Scampia. Proprio in quei luoghi nel 2018 Francesco Della Corte fu brutalmente assalito da tre minori che, intenzionati ad estorcergli l'arma d'ordinanza, lo ferirono mortalmente. Un impegno che neanche il Covid-19 ha potuto ostacolare se non ritardandone l'inaugurazione. Stamane, vicini alla famiglia della guardia giurata, presenti i referenti delle Istituzioni:

  • Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania;
  • Apostolos Papais, Presidente dell'8ª Municipalità di Napoli;
  • Umberto De Gregorio, Presidente dell'EAV Srl (Ente Autonomo Volturno).

La notizia dell'evento viene appresa mediante i social in quanto, la cerimonia di svelatura della targa è avvenuta tra pochi intimi, pertinente ai decreti sulla sicurezza sanitaria. Difatti, sulle pagine del governatore De Luca, sono state pubblicate foto dell'evento. Ecco quanto ha dichiarato:"una bella mattinata a Scampia: nella stazione Eav recuperata, la più bella stazione della linea metropolitana, abbiamo inaugurato l'area giochi per bambini dedicata a Francesco Della Corte, il vigilante ucciso due anni fa a pochi metri di distanza. Dopo la piazza, la stazione, oggi l'area giochi: prosegue l'opera di riqualificazione urbana della Regione Campania a Scampia".

"Un'esperienza importante". Dichiara Marta Della Corte, figlia di Francesco. "La targa è a due passi dal cancello dove mio padre ha vissuto gli ultimi momenti della sua vita. Cambiare significato a questo luogo mi rende felice. Da oggi non è più un luogo di morte ma diventa un posto gioioso dedicato ai bambini. Al contempo, la targa serva anche da monito affinché i passanti ricordino quanto accaduto. Di certo mio padre non meritava di morire in quel modo ma, di sicuro, nemmeno avrebbe mai immaginato che il suo nome fosse conosciuto da tutti diventando simbolo di giustizia e riqualificazione!"

Ti consigliamo di approfondire con la storia di Francesco Della Corte

Pubblicato in Eventi
%PM, %12 %687 %2020 %15:%Mar

Francesco Della Corte

Francesco Della Corte, 51 anni

Francesco della Corte lavorava come guardia particolare giurata per la "Security Service" prestando sevizio presso la metro di Piscinola. La notte del 3 marzo 2018, svolgeva il suo regolare turno e, mentre procedeva alla chiusura dei cancelli, venne aggredito alle spalle da tre ragazzi, tutti minorenni. I tre, armati di spranghe, inveiscono contro il vigilante per estorcergli la pistola d'ordinanza provocandogli molteplici ferite. Passarono ben 30 minuti prima che Della Corte venisse soccorso e trasportato all'ospedale "Cardarelli". Purtroppo, perse molto sangue e Francesco fu' messo in coma farmacologico. Alle 3:30 del 16 marzo 2018 la triste notizia, Francesco Della Corte non supera la notte.

Storico giuridico

  • Dalle indagini si arriva rapidamente, grazie alle telecamere della stazione, all'arresto di tutti e tre gli aggressori, minorenni, con l'accusa di omicidio volontario con le aggravanti di crudeltà e premeditazione.
  • A coordinare gli interrogatori il P.M. Ettore La Ragione e a svolgere le indagini i poliziotti del commissariato di Scampia guidati dal dirigente Bruno Mandato.
  • I tre ragazzi responsabili dell'omicidio sono:
    1) L.C., 15enne, già con con precedenti (a 12 anni viene segnalato per un episodio di bullismo). Durante l'interrogatorio spiegò come hanno organizzato l'aggressione spinti dalla noia e dall'ultimo spinello;
    2) K.A., 16 anni compiuti il giorno prima l'arresto, incensurato figlio di un parcheggiatore abusivo e di una domestica;
    3) C.U., 17 enne, incensurato, figlio di un operaio edile. Promessa della squadra di calcio Chiaiano Brothers dichiara di non aver preso parte all'aggressione ma di essere rimasto indietro alcuni metri ad osservare.
    I primi due sono nel Penitenziario di Nisida, il terzo è stato trasferito nell'Istituto di Airola.
  • Il 16 gennaio 2019 vengono stabilite le condanne a sedici anni e sei mesi di reclusione pro-capite. Il processo si è svolto con la modalità del rito abbreviato (formula che prevede lo sconto di un terzo della pena). Il giudice ha concesso ai tre minorenni le attenuanti generiche perché incensurati, ragion per cui la pena disposta è stata di poco inferiore ai 18 anni che erano stati sollecitati dal pubblico ministero in sede di requisitoria.

Il racconto di Marta Della Corte, figlia di Francesco

"Era notte fonda, quasi le 4:00, quando ricevemmo la telefonata. Il fratello di mio padre, anche lui guardia giurata, ci avvisò che papà era stato aggredito e portato in ospedale. Mamma decise di andare da sola sapendo che l'indomani ci saremmo dovuti svegliare presto ma, quando arrivata al pronto soccorso non trovò papà e fu' scortata da una guardia al reparto rianimazione, capì che la situazione fosse grave. Mi richiamò dicendomi di svegliare mio fratello e raggiungerla in ospedale «papà è grave, deve essere operato»."

"Solo il 16 marzo, mentre eravamo all'obitorio, dei poliziotti vennero a raccontarci tutto sull'accaduto. Solo allora sapemmo della dinamica dell'aggressione e che le forze dell'ordine avevano individuato e arrestato i 3 responsabili. Ritornare a casa dopo tutti quei giorni in ospedale fu' difficile. Avevamo avuto fiducia, papà ci dava modo di pensare che stesse reagendo bene e, soprattutto, non potevamo pensare che la sua vita potesse finire così. Nei giorni a seguire, da mia nonna ci venne a trovare Alessandra Clemente, assessore del Comune di Napoli e figlia di Silvia Ruotolo, vittima innocente della camorra. Grazie a lei venimmo a conoscenza della Fondazione Polis, di Libera, del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti."

"Ancora oggi non è semplice parlare di tutto ciò. Non avrei mai pensato potesse diventare la mia -normalità-. Eppure, man mano ho imparato a superare la tristezza, a trasformarla nella forza che mi spinge a raccontare questa storia. Lo faccio sia per mio padre sia per la comunità".

Nonostante i pericoli del suo lavoro, mio padre non si aspettava questa morte, ma di sicuro, nemmeno che il suo nome fosse conosciuto da tutti diventando simbolo di giustizia!

#Memoria: intitolazioni a Francesco Della Corte

  • 5 ottobre 2018 - Una Lapide commemorativa nei pressi dello scalo ferroviario di Piscinola, promossa dal Comune di Napoli in collaborazione con l'Associazione Libera, il Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti, la Fondazione Polis, l'ANM, l'EAV e le scuole del territorio.
  • 23 dicembre 2018Albero di Ulivo piantato presso L'Istituto Statale Magistrale "Carlo Levi" di Marano di Napoli.
  • 23 maggio 2019Albero di Ulivo piantato presso l'Istituto comprensivo "San Gaetano" di Piscinola.
  • 22 giugno 2020 - Intitolata un'area giochi presso la stazione EAV di Piscinola-Scampia.

Eventi per ricordare Francesco Della Corte

  • 20 marzo 2018 - Giorno dei funerali, i treni e i bus si sono fermati per ricordare "Ciccio" con uno squillo di tromba all'orario della messa. Tutti i lavoratori dei trasporti di Napoli hanno portato in segno di lutto un nastro nero sui bus, sui treni, sulle divise, nei luoghi di lavoro.
  • 31 marzo 2018 - Una marcia, partita da Piazza Tafuri, ha percorso buona parte del quartiere Piscinola, dove risiedevano i tre minorenni, e si è concluso alla stazione della metropolitana. Ad aprire il corteo uno striscione con la scritta: "Siamo tutti Franco".
  • 26 dicembre 2018 - 1° Memorial "Francesco Della Corte" con la 2a Corsa di S.Stefano.
  • da 14 al 16 marzo 2019 "Non ti scordar di me..L'amore è per sempre" per Francesco Della Corte.
    14 - 1a tappa - Spettacolo teatrale omonimo presso il teatro "Vittorio Alfieri" a Marano di Napoli;
    15 - 2a tappa - Quadrangolare di calcio presso "Recca Sporting Club" di Marano di Napoli
    16 - 3a tappa - Celebrazione eucaristica in suffragio presso la chiesa "Spirito Santo Nuovo" a Marano di Napoli.
  • 6 dicembre 2019 - Spettacolo teatrale "Non ti scordar di me... L'amore è per sempre". Presso il teatro TAN
  • 26 dicembre 2019 - 2° Memorial "Francesco Della Corte" con la 3a Corsa di S.Stefano
  • 28 febbraio 2020 - Torneo di "Burraco solidale". Organizzato dall'Associazione "Progetto Franco" presso la scuola di danza "New Stella Nascente" di Marano di Napoli.

 L'Associazione "Progetto Franco" 

logo Progetto Franco
A seguito di questo tragico evento, la famiglia Della Corte ha deciso di percorrere quel cammino che Franco ha tracciato in vita, ovvero, quello della legalità, della solidarietà e del bene comune. Per questo motivo, in sua memoria nasce l’Associazione "Progetto Franco". «Franco, come il suo nome, franco, schietto e sincero come era lui».

Le Finalità:

  • Promuovere la cultura della legalità, della giustizia, e della non violenza;
  • Favorire la tutela dei diritti dei minori e indirizzare le giovani generazioni con incontri, dibattiti, manifestazioni, corsi formativi, seminari e gruppi di studio;
  • Mantenere viva la memoria delle persone vittime innocenti della violenza criminale e promuovere diritti e misure di solidarietà in favore dei familiari.

Attività svolte dall'associazione:

  • Favorire la formazione extra scolastica;
  • Promuovere le attività formative e laboratori all'interno di scuole, parrocchie, case famiglia,
    e altri centri di aggregazioni e socializzazione;
  • Assistere le famiglie e i minori attraverso i servizi di consulenza

Vuoi continuare ad essere aggiornato su eventi e manifestazioni in memoria di Francesco Della Corte? 
Segui la pagina Facebook dedicata a lui! 

Associazione Progetto Franco

Pubblicato in Storie