Le Storie

Visualizza articoli per tag: 2011

%PM, %28 %627 %2020 %14:%Ott

Carlo Cannavacciuolo

Carlo Cannavacciuolo, 27 anni

*I fatti avvennero passate le h 24:00, per cui, Carlo Cannavacciuolo viene ricordato il 5 novembre

La sera del 4 novembre 2011, Carlo Cannavacciuolo, studente in veterinaria, uscì con la fidanzata e gli amici per festeggiare il suo onomastico in un locale a Santa Maria della Carità (NA). Fattasi quasi la mezzanotte fu ora di congedarsi dai festeggiamenti. Giunti nella propria "Fiat Panda" parcheggiata in via Ponticelli, i giovani si concessero ancora una piccola pausa, probabilmente, per aprire il regalo della fidanzata o per continuare a parlare prima di rincasare. Di lì a poco si avvicinarono due banditi a volto coperto e armati con pistole. Uno di questi ruppe il finestrino dell'auto con il gomito, così, Carlo inserì istintivamente la retromarcia per scampare all'aggressione. A quella reazione il rapinatore rispose esplodendo due colpi di pistola. Carlo fu colpito da entrambi i proiettili: uno al braccio e l'altro alla gola che gli fu fatale. Inutili i soccorsi, il ragazzo perse la vita sotto gli occhi increduli della fidanzata.

Storico giuridico

  • Grazie alle testimonianze della fidanzata di Carlo e di un uomo che abitava nei pressi dell'omicidio, le indagini portarono al fermo di due indagati: Violante Petrucci, muratore di 27 anni, e Ciro Afeltra, 30 anni. Entrambi di Pimonte (NA). I due, inchiodati dalle prove raccolte dai carabinieri, confessano l'accaduto. In particolare, viene riconosciuto a Petrucci la responsabilità dell'omicidio per aver esploso i due colpi di pistola.
  • 2 ottobre 2012 - L'udienza preliminare del processo di primo grado si è chiuso, su richiesta del PM Raffaele Marino della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, con la condanna all'ergastolo per entrambi i responsabili.
  • 14 gennaio 2015 - La Corte d'Appello conferma la condanna all'ergastolo ad entrambi gli assassini.
  • 9 marzo 2016 - La Corte di Cassazione rende definitivo le pene di ergastolo per i due killer.

 

#Memoria: eventi e intitolazioni in ricordo di Carlo Cannavacciuolo

  • 7 novembre 2011 Fiaccolata con un corteo partito dalla piazza cittadina di S.M.d. Carità e giunta sino al piazzale antistante l'abitazione della famiglia Cannavacciuolo. Alla marcia hanno partecipato oltre 2 mila persone.
  • 17 marzo 2012 - la Facoltà di Veterinaria dell'Università Federico II di Napoli, in occasione dell'apertura della Scuola di specializzazione in Ispezione degli alimenti di origine animale, ha deciso di dedicare l'inaugurazione delle attività di ricerca a Carlo. Nell'occasione, il papà Giovanni ha letto pubblicamente una commossa dedica al figlio.
  • Novembre del 2012 - Assegnata la medaglia d'argento al valore civile alla memoria. Decisione voluta dal Comune di Santa Maria la Carità.
  • 2 giugno 2013 - Cerimonia di consegnata ai familiari di Carlo della medaglia d'oro al valor civile alla memoria.
  • 22 luglio 2016 - Intitolata una strada di Santa Maria la Carità (NA). Evento voluto fortemente dall'amministrazione locale , all'inaugurazione la targa è stata scoperta dai genitori di Carlo.
  • 13 ottobre 2018 - Inaugurata e dedicata la "Casa dell'Ambiente e dell'Impegno Civile", sede Legambiente Woodwardia, in via Panoramica 39 a Castellammare di Stabia (NA).
Pubblicato in Storie
%PM, %17 %615 %2017 %13:%Feb

Vincenzo Liguori

Vincenzo Liguori, 57 anni.

Il 13 gennaio 2011 Vincenzo Liguori era, come tutti i giorni, nella sua officina meccanica in via S.Giorgio Vecchio, a San Giorgio a Cremano (NA). Pressapoco le 19:00 giunsero davanti alla sua attività due killer in sella a una moto e con caschi integrali. Il loro obiettivo era Luigi Formicola, pregiudicato titolare del circolo ricreativo adiacente l'officina che in quel momento era uscito dal locale. Quando si vide arrivare la moto, l'uomo provò a mettersi al riparo entrando nell'officina meccanica ma i due killer lo trucidarono sparando a raffica. In quegli istanti, Vincenzo era impegnato nel cambio d'olio di una moto. Quando sentii gli spari si alzò di getto per capire cosa stesse accadendo. Un riflesso che gli fu fatale: fu colpito al torace da uno dei proiettili perdendo immediatamente la vita. 

Storico giuridico

  • Dicembre 2012 - I carabinieri di Torre Annunziata, coordinati dalla DDA di Napoli, arrestano 3 individui accusati di 4 omicidi a stampo camorristico compreso quello in cui è stato coinvolto Vincenzo Liguori. Imputati: Vincenzo Troia, Andrea e Giuseppe Attanasio, mentre al fermo Giovanni Gallo.
  • 2 ottobre 2014- Il pubblico ministero Claudio Siragusa richiede le condanne di:
    - Ergastolo per Vincenzo Troia, ritenuto il mandante dell'agguato;
    - Ergastoli per Andrea e Giuseppe Attanasio, ritenuti gli esecutori materiali;
    - 15 anni di reclusione per Giovanni Gallo, auto-accusato di avere fatto da specchiettista nel duplice omicidio.
  • La Corte di Assise conferma le condanne in primo grado per gli ergastoli, mentre riduce a 12 anni la pena per Giovanni Gallo con l'attenuante della collaborazione.
  • 2 febbraio 2016 - La Corte di Assise d'Appello di Napoli, Quarta Sezione, assolve Vincenzo Troia annullando l'ergastolo e i reati contestati in primo grado, escludendo l'aggravante del metodo mafioso. Conferma, invece, le altre pene.
  • Febbraio 2017 - La Cassazione conferma le sentenze emesse dalla Corte d'Assiste.

 

Il ricordo di Teresa Pirozzi, moglie di Vincenzo

"Quando mia figlia arrivò sul posto come inviata de “Il Mattino”, gli amici la fermarono prima che vedesse il corpo del padre. Fu la prima della famiglia a sapere dell'accaduto e ad avere poi il compito di avvisare tutti noi. Provai tanta rabbia per il modo ingiusto in cui ho perso mio marito. Da ambo le famiglie, siamo persone per bene che si sono costruite con le proprie forze."

"Quando ti colpiscono queste tragedie è difficile riuscire ad immaginare un futuro felice. I primi periodi mi sono abbattuta tanto ma grazie alle persone che mi sono state vicine e, soprattutto, per i miei figli ho trovato la forza di andare avanti. Vincenzo aveva un carattere meraviglioso e sono convinta che sia merito suo se la nostra famiglia è sempre stata molto unita."

"Poco dopo l'accaduto vennero a casa dei membri del Coordinamento dei familiari, in particolare Alfredo Avella, padre di Paolino che frequentava la stessa scuola con mio figlio. Persone speciali che sono entrate a far parte della mia famiglia e che, in questi anni, mi hanno dato forza e speranza per superare quel dolore che non ci abbandona mai. Grazie a loro, col tempo si è placata anche la rabbia. L'unica cosa che ancora mi infastidisce è il nostro sistema giudiziario con pene, a volte, poco severe contro chi ci ha fatto del male. Capisco il voler comprendere le situazioni disagiate che portano i giovani a commettere atti illegali, ma allora si puniscano i genitori."

Se i genitori educassero i figli al rispetto delle regole e della responsabilità, i ragazzi fuori casa non commetterebbero atti violenti

#Memoria: menzioni e luoghi intitolati a Vincenzo Liguori

  • 21 marzo 2013 - Intitolazione del foyer del teatro "Giancarlo Siani" a San Giorgio a Crem. (NA), approvata all'unanimità l'11 marzo dalla Giunta comunale.
  • Marzo 2015 - La storia di Vincenzo è menzionata nel libro:"Memoria" pubblicato dall'associazione Libera, a cura di: Marcello Cozzi, Riccardo Christian Falcone, Iolanda Napolitano, Simona Ottaviani, Peppe Ruggiero. Stampato per conto delle Edizioni Gruppo Abele presso Cooperativa La Grafica Nuova.
  • 6 maggio 2016 - Intitolazione del parco urbano "Vincenzo Liguori" in via Aldo Moro, a S.Giorgio a Crem.(NA).
  • 24 maggio 2018 - Intitolata una piazza nel rione Micillo a Pollena Trocchia (NA).

Eventi in ricordo di Vincenzo Liguori

  • 12 febbraio 2011 - Una marcia con oltre 3 mila persone hanno percorso le strade partendo da piazza Donizetti fino a piazza Amodio a  Pollena Trocchia (NA).
  • 25 settembre 2011 - 1° Memorial Motoraduno "Vincenzo Liguori" con una sfilata partita per le vie di Pollena Trocchia (NA), da piazza Amodio fino al Castello Santa Caterina. Evento organizzato dall'associazione "Liberi Pensieri".
  • 30 settembre 2012 -  Memorial Motoraduno "Vincenzo Liguori" presso l'area mercato di Pollena Trocchia (NA), introdotto da un minuto di "rombo di motori". Evento organizzato dall'associazione "Liberi Pensieri".
  • 22 settembre 2013 -  Memorial Motoraduno "Vincenzo Liguori" presso l'area mercato di Pollena Trocchia (NA), introdotto da un minuto di "rombo di motori". Evento organizzato dall'associazione "Liberi Pensieri".
  • 5 ottobre 2014 - Memorial Motoraduno d'epoca "Vincenzo Liguori" con una sfilata per le strade di Pollena Trocchia (NA), seguita da contest presso l'area mercato. Evento organizzato dall'associazione "Liberi Pensieri".
  • 4 ottobre 2015 - 5° Memorial Motoraduno "Vincenzo Liguori" presso l'area mercato di Pollena Trocchia (NA). Evento organizzato dall'associazione "Liberi Pensieri".
  • 9 ottobre 2016 - 6° Memorial Motoraduno "Vincenzo Liguori" presso l'area mercato di Pollena Trocchia (NA). Evento organizzato dall'associazione "Liberi Pensieri".
  • 24 maggio 2018 - Manifestazione con un corteo di scolaresche e referenti delle istituzioni partito dal'area mercatale di via Esperanto fino a raggiungere il Rione Micillo a Pollena Trocchia (NA). Segue la cerimonia d'intitolazione della piazza.
  • 7 ottobre 2018 - 7° Memorial Motoraduno "Vincenzo Liguori" presso l'area mercato di Pollena Trocchia (NA). Evento organizzato dall'associazione "Liberi Pensieri".

 Per rimanere aggiornato sui prossimi motoraduni, segui la pagina facebook: Motoraduno Memorial Vincenzo Liguori

Pubblicato in Storie